Lab and real  life tests   |   01 Gennaio 2016

Iniezione elettronica moto

Iniezione elettronica moto

Iniezione elettronica sulle moto giapponesi

Fino ad ora ho analizzato i sistemi più o meno complessi e “proprietari” delle case Europee, anche se KTM utilizza un sistema Giapponese contrariamente a BMW che si appoggia a BOSCH.

Nonostante la varietà di marche, modelli e tipologie di motociclette, praticamente tutte hanno adottato un gruppo pompa integrato stile auto-motive.

Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
la quasi totalità basa il suo filtraggio su uno strainer nemmeno molto selettivo se paragonato alle versioni KTM ma decisamente molto compatto per restare nella struttura e facilmente saturabile
Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
e poi abbiamo due diverse scuole di pensiero, una che adotta un altro filtro nel regolatore di pressione, gruppo a sx nella foto sotto, piccolo, nascosto, davvero piccolo, ed estremamente difficile da pulire ma estremamente sensibile e facilmente saturabile.
Iniezione elettronica moto
Una volta che il prefiltro inizia a saturarsi la pompa inizia a soffrire e contemporaneamente il micro filtro nel regolatore inizierà a saturarsi, con la conseguente morte della pompa.

L'altra che adotta un filtro integrato nel monoblocco porta pompa, normalmente NON estraibile o sostituibile, esempio HONDA CRF 1000 AT.


Ho avuto l’occasione di smontare e revisionare la pompa benzina della AT CRF1000 Honda, come da copione gruppo integrato con prefiltro alla base, pompa e filtro a “sigaretta” "incluso/nascosto" nel castello pompa.

Iniezione elettronica moto
la base “pozzo” dove si trova il prefiltro era piena di detriti polvere a grana fine e grossa e notevoli depositi.
Iniezione elettronica moto
il prefiltro e’ molto carico e ha “patito” il carico extra di contaminazione
Iniezione elettronica moto
altro esempio di strainer saturo che ha portato la moto a fermarsi per mancanza di carburante, la pompa e' miracolosamente sopravvissuta
Iniezione elettronica moto
qui la comparativa “dimensionale” fra la pompa AT a sx e la pompa std di un BMW R1200 GS 2009, entrambe sono a singolo stadio e “rotore” a disco.
Iniezione elettronica moto
al lavaggio con la solita tecnica di pulitore per iniettori e contro spurgo il tutto è tornato in buone condizioni, ma il filtro a sigaretta era quello che aveva sofferto di più affaticando notevolmente la pompa benzina.

una volta puliti i filtri, la pompa, e la moto, hanno ripreso integralmente vigore e forza, bastava tener puliti i filtri e tutto cio' non sarebbe stato necessario.

Ma a me il tarlo del Marketing ad hoc resta.

In casa Honda un modello NON nato per l'avventura ma per il turismo veloce a lungo raggio gia' aveva un sistema perfetto per assolvere alle esigenze della AT

Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Il gruppo, facilmente revisionabile, presenta alcune peculiarita' :)

Il prefiltro e' molto simile ad una paglietta in acciaio INOX, da qui la scelta di eliminare particolato davvero grosso, tipo rami e foglie, ma soprassediamo.

una "banale" pompa in linea di facile reperimento after-market

e un "banale" filtro in linea in acciaio passivato

manca il regolatore di pressione, posizionato esternamente sul flauto degli iniettori, gia' grave problema integrarlo nel gruppo pompa immerso nel serbatoio o adottare la stessa tecnologia sul Bi-parallelo in linea... stranamente la meta' del V-4.

Ma restiamo in casa Japu

che male c'e' in un design cosi' semplice e dalla facile manutenzione?

Iniezione elettronica moto
Iniezione elettronica moto
Cosa c'e' di sbagliato in un design semplice e facilmente manutenibile come quelli sopra??
Iniezione elettronica moto
BMW lo sapeva gia' nel lontano 1990, da quando aveva lanciato la linea R1100 e dal '94 al 2006 videro come le manutenzioni pompa/filtro venivano sempre meno effettuate in officina, cambio filtro, e non e' piccolo paragonato a quelli nascosti nei progetti Giapponesi, ogni 40.000 km....... se crei qualcosa che tutti possono riparare, le TUE officine perdono soldi.

Il filtro lo compri dal ricambista, la "bustina" verde la lavi o la compri in concessionaria, la pompa la prendi da una vecchia Alfa Romeo 75

Sad but True, tutti questi design innovativi hanno come unico vero scopo il legare permanentemente i clienti ai prodotti originali, alle officine originali, e ai ricambi originali.

Ho scoperto l'acqua calda? No, ho trovato la soluzione: prefiltrare al bocchettone.


Nel mondo afte marker vi sono centinaia di offerte per il ricambio pompa/strainer, di molte marche e spesso derivanti dal mondo degli scooters, si, esatto, la maggior parte dei sistemi ad iniezione per le moto sono stati declinati sugli scooters.

Avete dei dubbi sull'affidabilità o sui miei dubbi? basta guardare quante offerte per gruppi di ricambio e kit pompa/strainer in tutto il web.

Anche in questo la soluzione è semplicissima, prefiltraggio al bocchettone con le membrane evolute.

Se avete altre domande, info@guglatech.com e risponderò a tutti i vostri dubbi.


piccolo aggiornamento

appena postato il blog, Linda ci ha omaggiato con la foto dello strainer della SUA Suzuki GSXR 600, 32.000 km, roba "locale"


giudicate voi :)

Iniezione elettronica moto
ripeto, giudicate voi :)
DOWNLOAD PDF
DOWNLOAD PDF
GUARDA TUTORIAL
GUARDA TUTORIAL
CONDIVIDI!
#GUGLATECH

LASCIA UN COMMENTO

Non ci sono commenti per questo articolo. Diventa il primo!!

LASCIA UN COMMENTO

Send this to a friend